Contesto Storico

Campanella visse nel periodo di Bacone, Galileo e Cartesio, come loro uomo del Rinascimento, e del dominio spagnolo in Italia, consolidatosi con la pace di Cateau-Cambrèsis (1559). La presenza straniera aggravò la già precaria situazione dell’Italia e, sebbene i vari stati mantenessero la propria indipendenza andò via via decadendo il tessuto politico e sociale. Il dominio spagnolo, inoltre, impose una pressione fiscale di livello soffocante, aggravando la vita dei sudditi e generando tra i ceti popolari rivolte come quella di Masaniello a Napoli (7 luglio 1647). Alcuni ordini religiosi, come gesuiti o domenicani, presero posizione contro il dominio spagnolo e la frattura del fronte univoco tra i vari attori del panorama cattolico diede origine alla controriforma, e a un’ignoranza generalizzata e crescente culminata nello sviluppo di pratiche alternati-ve, come la stregoneria. Lo stesso Campanella ebbe contrasti con la monarchia spagnola, men-tre fu assai ben accolto in Francia dal re Luigi XIII e il cardinale Richelieu.